Logo Bandiera

Il carrello è vuoto
Ricerca nelle Categorie
Ricerca nei prodotti

Strymon Mobius

Strymon Mobius 50ec419443f50 strymon_mobius_1
Strymon Mobius 50ec419443f50

L'ultimo nato sotto il marchio Strymon è uno stompbox per chitarra che include la bellezza di dodici effetti di modulazione personalizzabili e memorizzabili in 200 preset che l'utente può richiamare attraverso gli switch heavy duty disposti sull'ampio pannello blu o controllare anche via MIDI grazie alle porte sul dorso del pedale. Grazie a tale compatibilità, tutti i parametri dei preset sono personalizzabili mediante il protocollo e gli effetti possono essere sincronizzati con apparecchi esterni basati sulla stessa tecnologia. La possibilità di connettere un tap tempo esterno (sostitutivo a quello già presente sullo chassis) o un pedale d'espressione in grado di controllare qualunque parametro o combinazione di parametri prevista dai singoli effetti rende i suoni altamente malleabili.

Questi gli effetti inclusi nel Mobius:

  • Chorus- con cinque varianti, il chorus copre le sonorità dei chorus analogici vecchio stile, caldi e morbidi che comprendono anche una modalità vibrato, fino alla modulazione più brillante e articolata stile anni '80 dei chorus digitali e dei più estremi detune.
  • Flanger- sei sono i flanger differenti inclusi nel Mobius, catalogati per codici colori e scala numerica su display per navigare attraverso toni vintage fino a simulazioni dei vecchi flanger a nastro.
  • Rotary- velocità di rotazione massima e minima, profondità dell'effetto, volume dell'altoparlante e accelerazione sono tutto ciò che serve per ricreare la complessità del rotary speaker nato per tastiere ma tanto diffuso tra i chitarristi.
  • Vibe- un'oscillazione calda e dal sapore vintage è controllabile per simmetria dell'onda, headroom e risposta sui bassi.
  • Phaser- un phaser fino a 16 stadi è regolabile per modalità sonora e stile di LFO oltre i più comuni controlli per la tipologia di effetto, offrendo un ventaglio sonoro estremamente variegato.
  • Filter- low pass filter, hi pass filter, auto wah, controllo di risonanza e della forma d'onda più personalizzazione del livello dry per sonorità più estreme. Il filter del Mobius è utile per ricreare sonorità funk quanto per sperimentare con i filtri più atipici.
  • Formant- talk box… in a box. I parametri permettono di personalizzare le "vocali" prodotte e l'inviluppo con cui queste sono emesse.
  • Vintage Trem- non poteva mancare il più vecchio tra gli effetti per chitarra. Semplice e diretto, ma anche completo nei controlli, può variare in velocità, profondità e volume, offrendo due modalità differenti e la gestione del pan per un suono stereofonico.
  • Pattern Trem- l'evoluzione del tremolo tradizionale permette di costruire ritmiche anche complesse fino a otto stadi, che ammiccano alle sequenze dei sintetizzatori.
  • Autoswell- Un volume automatico perfetto per effetti violino oppure per entrare con discrezione in un solo senza barcamenarsi tra potenziometro sulla chitarra o pedale volume. La personalizzazione del volume, della profondità e della curva d'ascesa lo rendono particolarmente versatile. Un leggero chorus può essere aggiunto per dare maggior profondità al suono.
  • Destroyer- un complesso bitcrusher offre tutto quello che c'è tra l'effetto megafono o telefonico fino al sound da sintetizzatore a 8 bit, passando per simulazioni di vecchie registrazioni e persino l'aggiunta di un fruscio di fondo stile vinile.
  • Quadrature- a cavallo tra il tremolo e il ring modulator, il quadrature distrugge il segnale sia in maniera controllata sia in modo casuale, andando dalla modulazione leggera e profonda fino a suoni adatti alla musica elettronica e alternative che sembrano usciti da un disco dei Radiohead.

Al centro del Mobius c'è un processore Sharc DSP, potente integrato spremuto al massimo dalla macchina Strymon al cui interno il segnale è processato a 32bit, mentre la conversione da analogico a digitale e viceversa avviene a 24bit per 96Khz.

Il livello massimo di input accettato è +8dB, grazie al quale il Mobius è in grado di gestire con facilità pressoché qualunque segnale proveniente da uno strumento o da una linea esterna. Ampliando il valore oltre quello comunemente contemplato (0dB), anche la dinamica ottenibile - in termini di range di volume - risulta di gran lunga superiore rispetto a un tradizionale circuito digitale.

Per i fanatici dell'analogico, comunque, il pedale è dotato di una configurazione true bypass e di un buffer analogico selezionabile per un buffered bypass alternativo, utile a salvaguardare l'integrità del segnale all'interno di catene più complesse.

Proprio a questo genere di chitarristi si rivolge anche un'altra intelligente feature: mediante un piccolo selettore posto sul dorso dello stompbox opportunamente cablato, è possibile scegliere dove posizionare il Mobius in catena, se prima o dopo i distorsori a esso collegati. In questo modo l'utente può modificare istantaneamente la propria sequenza di effetti senza agire in alcun modo sulla posizione fisica dei cavi o dei pedali.

Per una funzionalità essenziale e completa al tempo stesso, il pannello è dotato di cinque manopole principali: Speed, Depth e Level sono comuni a tutti i preset, mentre Param1 e Param2 sono personalizzabili a seconda dell'effetto scelto e memorizzabili nei singoli banchi di memoria a piacimento, per potervi accedere in un attimo una volta richiamato il suono desiderato.
Non da trascurare, il display a segmenti nella parte superiore-sinistra del solido e voluminoso chassis in metallo mostra sia i nomi dei preset salvati, sia i bpm scelti per i singoli effetti, così da poter tenere costantemente sotto controllo il sync dell'esecuzione con il resto della band o il clic di registrazione.